Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Dall'essere all'esistente

Hegel, Kierkegaard, Heidegger e Jaspers. Presentazione di Umberto Regina

Pubblicazione:  1 gennaio 2004
Edizione:  1
Pagine:  464
Peso:  557 (gr)
Collana:  1070 I Kaladri
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
EAN:  9788821185519 9788821185519
€ 28,00 € 26,60
Sconto:  5%
Risparmi: € 1,40 ogni copia
Descrizione
«Il tempo dei sistemi è passato [...] la ragione delusa va ora errando in cerca di un nuovo concetto di libertà. [...]. Oggi, dopo che l'Idea hegeliana e il Singolo kierkegaardiano si sono consumati a vicenda, I'uomo è ridotto alla sua miseria essenziale, è ritornato nell'angosciosa attesa come nel momento della caduta nel primo peccato. [...]. La filosofia divincolatasi dai morbidi cuscini dei sistemi, vive con l'asperità della lotta nella "fede" per l'esistenza e punta diritta sull'essere». (Cornelio Fabro, dalla Premessa) 
Note sull'autore
Cornelio Fabro (1911-1995), licenziato in Teologia e ricevuto il sacerdozio, fu assistente di Biologia nella facoltà di Filosofia della Pontificia Università Lateranense dove ricoprì numerosi incarichi di insegnamento.  Docente di Filosofia Teoretica all’Università di Perugia, fu il fondatore e il primo presidente del “Centro Italiano di Studi Kierkegaardiani” (Potenza). Tra le sue numerose opere ricordiamo: “La nozione metafisica di partecipazione” (1939); “La fenomenologia della percezione” (1941); “Percezione e pensiero” (1941); “Partecipazione e causalità” (1960); “Dall’essere all’esistente” (1957); “Introduzione all’ateismo moderno” (2 voll., 1964-1969). Vi è poi la mastodontica attività di traduzione delle opere di Kierkegaard che ha trasformato completamente gli studi su Kierkegaard nel contesto italiano, rendendo possibile un autentica ricezione del grande pensatore danese.