Le attività editoriali di Marietti 1820 proseguono regolarmente nell'ambito dell'esercizio provvisorio disposto dal Tribunale di Bologna con la sentenza di fallimento del Centro Editoriale Dehoniano s.r.l.
L'intero catalogo e le novitá editoriali in uscita sono e saranno disponibili nelle librerie e distribuiti anche su questo sito.
Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello
Martedì 3 novembre 2020  17:00 BOLOGNA Biblioteca dell’Archiginnasio, Sala Stabat Mater, Piazza Galvani 1, 40124 Bologna place
Incontro annullato
POESIA
Lezione di Alberto Bertoni
l'ospite

Alberto Bertoni è professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea e Poesia del Novecento all’Università di Bologna. Allievo di Ezio Raimondi, ha collaborato alla Letteratura Italiana Einaudi, diretta da Alberto Asor Rosa; per Mondadori ha curato il «Meridiano» dei Romanzi di Alberto Bevilacqua e, in collaborazione con Guido Mattia Gallerani, ha introdotto e commentato il Quaderno di quattro anni di Eugenio Montale. Suoi testi poetici sono tradotti in russo, inglese, francese, ceco, ungherese, romeno e spagnolo.

A partire dalla triade tardo-ottocentesca Carducci–Pascoli–D’Annunzio, Alberto Bertoni, per PAROLE IN VIAGGIO, ripercorre lo sviluppo del genere lirico e ne osserva le principali trasformazioni metriche e prosodiche. Un’attenzione particolare è rivolta al destino orale e spettacolare della poesia di oggi, molto più vissuta, ascoltata e «recitata» che letta in silenzio sulle pagine di un libro.

Con il proposito di disegnare un panorama della lirica italiana contemporanea, la sua analisi si fa dunque più sociologica, propositiva e didattica: il suo intento è coinvolgere studenti e docenti in un lavoro che rifugga dal dilettantismo sentimentale e linguisticamente povero, che costituisce il vero rischio insito nell’approccio dei giovani di oggi alla pratica poetica.