Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Società dell'umano

Pubblicazione:  1 gennaio 2009
Edizione:  1
Pagine:  376
Peso:  451 (gr)
Collana:  1070 I Kaladri
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
Prefazione di:  Emmanuele Morandi
EAN:  9788821185458 9788821185458
€ 24,00 € 22,80
Sconto:  5%
Risparmi: € 1,20 ogni copia
Descrizione
Che cos'è la società umana ? Questa domanda non sembra più trovare risposte convincenti. La maggior parte delle teorie sociologiche odierne ritiene che l'interrogativo sia da relegare al regno di una "metafisica" o di “grandi narrazioni” irrimediabilmente perdute. La società attuale sarebbe una sorta di "sospensione" tra un passato che non esiste più e un futuro che non può cominciare, una liquidità in crisi permanente, nella quale la crisi sarebbe allo stesso tempo il sintomo e la terapia prescritta dalle scienze sociali contemporanee. Davvero la società umana è qualcosa che non ci appartiene più? Perché mai, allora, l'uomo continua a combattere per essa? Le risposte secondo cui ci troviamo in un mare di vuoti, illusioni, equivoci, paradossi, contraddizioni, non sono soddisfacenti. Certamente, quanto più la modernità procede, tanto meno diventa probabile avere una società umana data-per-scontata, come insieme organico di forme di vita sociale. Si può tuttavia ragionevolmente pensare, e sperare, di poter vivere in una società dell'umano, cioè in un mondo in cui la soggettività della persona umana e le relazioni sociali siano differenziate, ma anche tali da consentire una vita sociale a misura dell’umano. 
Note sull'autore
Pierpaolo Donati, ordinario di Sociologia, già Presidente dell’Associazione Italiana di Sociologia e Consigliere dell’International Institute of Sociology, è professore dell’Alma Mater (PAM). Ha ottenuto vari riconoscimenti internazionali come fondatore della Sociologia relazionale o Teoria relazionale della società, che viene qui applicata al tema del lavoro. Tra le sue opere più recenti: Sociologia relazionale. Come cambia la società (La Scuola, 2013); L’enigma della relazione (Mimesis, 2015).