Le attività editoriali di Marietti 1820 proseguono regolarmente nell'ambito dell'esercizio provvisorio disposto dal Tribunale di Bologna con la sentenza di fallimento del Centro Editoriale Dehoniano s.r.l.
L'intero catalogo e le novitá editoriali in uscita sono e saranno disponibili nelle librerie e distribuiti anche su questo sito.
Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello
Giovedì 5 novembre 2020  17:00 BOLOGNA Biblioteca dell’Archiginnasio, Sala Stabat Mater, Piazza Galvani 1, 40124 Bologna place
Incontro annullato
ARTE
Lezione di Renato Barilli
l'ospite

Renato Barilli è uno tra i maggiori esperti di arte e letteratura contemporanea, ha fatto parte del Gruppo ’63 con Eco, Arbasino, Balestrini, Del Buono, Guglielmi, Manganelli, Sanguineti e diretto il Dipartimento di Arti visive dell’Università di Bologna, dove ha a lungo insegnato. Organizzatore di innumerevoli mostre, è autore di saggi pubblicati da Feltrinelli, Il Mulino e Mursia.

Il cinema e il videoregistratore hanno segnato una svolta decisiva nel nostro modo di considerare le espressioni artistiche. Oggi, infatti, la tradizionale distinzione tra arti dello spazio (pittura, scultura, architettura) e arti del tempo (musica, letteratura, spettacolo), elaborata da Lessing nel Laocoonte, viene messa in discussione poiché tutto tende a confluire nel video: le mostre sono costellate di schermi, i libri sono accompagnati da cd e lo stesso accade a film e spettacoli teatrali.

Per PAROLE IN VIAGGIO Renato Barilli illustra come sia caduto il discrimine dello spazio contro il tempo e perché, in questa nostra epoca digitale, finiamo per assistere al riemergere di una distinzione elementare: da un lato i video brevi, che escludono il racconto, l’intrigo e la trama (e dunque puntano solo su aspetti cromatici, tattili, sonori, corporali), dall’altro i lungometraggi, le telenovelas e gli spettacoli, che si giustificano solo se sorretti da una narrazione e da un’opportuna lunghezza.