Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Lo Sguardo inquieto

Etnografia tra scienza e narrazione

Pubblicazione:  29 settembre 2020
Edizione:  1
Pagine:  216
Collana:  1109 Le Bussole
Formato:  125x205
Confezione:  e-book
 EPUB  - DRM Protezione mediante DRM
EAN:  9788821197628 9788821197628
Descrizione
Attraverso la scrittura gli etnografi descrivono i modi in cui le persone, in un qualche luogo e in un certo momento, percepiscono il mondo e vi interagiscono. Più che un metodo o la fase iniziale ed empirica di un procedimento conoscitivo teorico, l’etnografia si configura quindi come un viaggio nelle molteplici sfaccettature dell’esperienza.
Dal moltiplicarsi e dal raffinarsi delle rappresentazioni etnografiche emergono anche nuove forme di riconfigurazione teorica del sapere antropologico, generose, aperte, comparative, critiche, ma soprattutto più sensibili alle dinamiche di potere, più attente alla storia e interessate a mettere in discussione le coordinate di fondo di quello stesso spazio pubblico nel quale l'antropologia dovrebbe tornare a coinvolgersi.
Il volume offre alcuni modelli di ricerca etnografica nel Sannio, in Sicilia e in Ghana e si conclude con l’edizione critica di un testo poetico.
Sommario
Introduzione. 1. Sannio: madrine e compari. 2. Ghana: le noci della. 3. Sicilia: u jocu. 4. Scritture. Ringraziamenti.
Note sull'autore
Berardino Palumbo, professore ordinario di Antropologia sociale all’Università di Messina, ha condotto ricerche etnografiche in Ghana e in Italia. È autore di saggi pubblicati sulle principali riviste scientifiche e dei volumi Madre-Madrina (Franco Angeli 1991), Identità nel tempo (Argo 1997), L'Unesco e il campanile (Moltemi 2003), Politiche dell'inquietudine (Le lettere 2009) e Lo strabimo della dea (Ed. MuePaqualino 2018). Con Marietti 1820 ha pubblicato Piegare i santi. Inchini rituali e pratiche mafiose (2020).