Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
Ok
Disponibile presso l'editore
Piero Calamandrei
Garanzie e limiti del potere giudiziario
RELAZIONI E INTERVENTI ALL'ASSEMBLEA COSTITUENTE


Prezzo:
Collana:
Anno di edizione:
Formato:
Pagine:
€ 25,00

2016
23x31,5
128
ISBN: 9788821194757
IL LIBRO | Comincia a leggere...

Nella discussione attuale sulla riforma della Costituzione e nel dibattito sui problemi istituzionali più rilevanti della stagione politica in corso è divenuta cruciale la questione del potere giudiziario: la sua legittimazione, le sue garanzie, i suoi limiti.

Il disegno politico e giuridico in cui si colloca la Magistratura è stato delineato nella Costituzione grazie alle proposte e agli interventi di Piero Calamandrei, effettuati nel corso del suo mandato parlamentare all’Assemblea costituente: una Magistratura che «costituisce un ordine autonomo» e «provvede da sé, e senza alcuna ingerenza del potere esecutivo, al proprio governo», vigilata e tutelata da un Consiglio superiore. Una indipendenza funzionale, una Magistratura unitaria, un giudice precostituito per legge. Accanto ad essa, una Corte costituzionale che sindaca la conformità delle leggi al testo costituzionale. Così il grande giurista, letterato e uomo politico scriveva nel suo progetto sottoposto alla Commissione per la Costituzione nel dicembre 1946. Nelle sedute dei mesi successivi si sarebbe ritagliato, sulla base della sua proposta, il testo oggi vigente.

In occasione delle celebrazioni per il sessantennio della scomparsa del Maestro ne discutono Paolo Grossi, attuale Presidente della Corte costituzionale, ed Enzo Cheli, Presidente emerito della Corte costituzionale, sulla base degli Atti dell’Assemblea costituente.

Piero Calamandrei nasce a Firenze nel 1889. Si avvia alla carriera accademica nel primo decennio del Novecento e diviene titolare di cattedra nel 1916. Nel 1924 è chiamato a Firenze sulla cattedra di Diritto processuale civile che terrà ininterrottamente per tutta la vita. Il suo insegnamento, ricco di valori, di ingegno e di passione civile, è ancora oggi attuale. I suoi libri sono ristampati in Italia e all’estero, con una continuità e un successo rimasti intatti.

Avvocato, legato agli ambienti antifascisti, assieme a Salvemini e ai Rosselli fonda il Circolo di cultura di Firenze e il giornale “Non mollare”. Nel biennio 1939-1940, conservando la sua indipendenza, insieme con Redenti e Carnelutti, redige il Codice di procedura civile. Nominato rettore dopo il 25 luglio del 1943, lascia Firenze l’8 settembre e si rifugia a Colcello in Umbria: da lì segue con trepidazione l’avanzata angloamericana e gli sviluppi della Resistenza e rientra nella Firenze liberata nell'agosto 1944. Fondatore del Partito d’azione, collabora attivamente come deputato costituente alla formulazione del testo della Costituzione. Grande organizzatore di iniziative culturali, fonda “Il Ponte”, dirige il primo commentario alla Costituzione, di cui auspica la piena attuazione, e nel contempo svolge una apprezzatissima attività forense. È Presidente del Consiglio nazionale forense dal 1946 al 1956.

Giorgio Zannoni
"In uscita" incontro all'amore
Leggendo Amoris laetitia
Il dibattito acceso dalla pubblicazione di Amoris laetitia non deve sorprendere: i caratteri di originalità che papa Francesco vi ha inserito mettono in discussione punti decisivi dell’odierna proposta pastorale sul matrimonio. Cuore pulsante di questa Esortazione apostolica come del suo Pontificato è l’anelito a una Chiesa «in uscita», al... >>>


Abitare la vita, abitare la storia
A proposito di Simone Weil
I contributi di questa raccolta nascono dalla necessità e dal desiderio di cogliere i varchi e i rimedi offerti dal pensiero estetico, politico, spirituale di Simone Weil di fronte ai mali che stanno alla base della nostra convivenza. Attraverso le letture della città che le autrici e gli autori danno sotto diverse angolazioni, pur ispirandosi tutti in misura minore o ... >>>


Al cuore della vita, la dignità
Origini, percorsi e spazi per un nuovo umanesimo
Con i contributi di Giuseppe Anzani, Enrico Berti, Renzo Pegoraro, Vittorio Possenti, Remo Realdon, Paola Ricci Sindoni, Leopoldo Sandonà Il tratto peculiare di questa raccolta di saggi è dato dal riconoscimento da parte di tutti gli autori che il valore dell’uomo risiede nella sua dignità. È con questo termine infatti che si può... >>>

Massimo Mastrogregori
Breve storia dell'ideologia occidentale

“Ogni punto della terra – ha scritto Antonio Gramsci – è est e ovest nello stesso tempo, però occidente e oriente sono fatti reali”. In questa storia per frammenti, breve e appassionata, il lettore troverà un'esplorazione originale dell'universo ideologico occidentale contemporaneo e il racconto di storie molto diverse tra loro, tutte ambientate alla frontiera tra oriente e occidente: ... >>>

Tutti i titoli di Diritto >>
Tutti i titoli di Saggistica >>